il_creatore_di_sogni_2_edizione
luca_scopitteri__il_creatore_di_sogni_ed_2__p1luca_scopitteri__il_creatore_di_sogni_ed_2__p2luca_scopitteri__il_creatore_di_sogni_ed_2__quarta_di_copertina

Il creatore di sogni

4.43 su 5 in base a 7 valutazioni del cliente
(7 recensioni)

9,90

Cosa succede quando il confine tra realtà e fantasia diventa incerto e i sogni prendono il sopravvento? Lo scoprirà Jay, un giovane come tanti altri che ripone nella sfera onirica le sue speranze di felicità. Tradito da una vita incapace di soddisfare i suoi desideri di adolescente, si troverà intrappolato in un potere tanto grande quanto incontrollabile, alle prese con il mondo impalpabile della fantasia.

Il creatore di sogni, primo libro della trilogia, è un romanzo poliedrico e dalle molteplici sfaccettature con un protagonista normale eppure straordinario, una storia d'amore tenera, appassionata e disperata unita al thriller psicologico che inganna e inquieta.


Acquista su Amazon ⇰

Descrizione

«Questa realtà è una finzione, una fantasia, una prigione con le sembianze di un paradiso.»

Jay non ricorda quando è finito lì, su quell’isola deserta, con quell’inquietante promontorio che ogni giorno lo attira inspiegabilmente a sé.

Cosa cela quel luogo, perché Jay non ricorda nulla? La fitta nebbia che ricopre la cima del misterioso monte sembra voler nascondere tutte le risposte.

Amareggiato da una vita che ha tradito le sue aspettative, il ragazzo cerca conforto in un luogo tutto suo, ma qualcosa accade ed i suoi sogni prendono il sopravvento facendo assottigliare, fin quasi ad annullarlo, il confine che separa la realtà dall’immaginazione.

«L’unico limite è la nostra immaginazione, ma la nostra immaginazione è l’unica cosa che non ha limiti.»

7 recensioni per Il creatore di sogni

  1. 5 di 5

    :

    Fai attenzione ai tuoi sogni.
    Un racconto molto bello ed originale. I sogni vissuti durante il sonno che si materializzano al mattino. Il protagonista non vive molto bene questa sua capacità, non gli crede nessuno. Neppure i suoi genitori. Da adulto però i sogni o desideri si materializzano anche da sveglio. Lo stesso vale per gli incubi. Ed il protagonista li dovrà affrontare.
    Mi viene in mente una frase di Disney ” se puoi pensarlo, puoi farlo.” probabilmente aveva ragione.
    Complimenti all’autore.

    Recensione tratta da Amazon

  2. 5 di 5

    :

    Un esordio da cinque stelle
    Un fantasy con un occhio di riguardo all’attualità. Il dono di Jay, così speciale che lo rende però così diverso. Una diversità che non viene accettata nemmeno dai genitori, quindi come può essere accolta dalle persone estranee?
    Temi importanti come la duplicità dell’essere umano: la cattiveria che vuole emergere, ma viene tenuta a bada dalla bontà. La parte irrazionale che a volte prende il sopravvento se non fermata dalla razionalità. I sogni che si scontrano con gli incubi. Un’amicizia particolare con un koala che per me ha una precisa funzione che non svelerò perché ognuno di noi può attribuire al piccolo animaletto un significato diverso. Un fantasy, certo, ma soprattutto un testo pieno di paure, di sentimenti, di frustrazioni.
    Un’altalena di emozioni dove la coscienza e i ricordi sono il fulcro attorno al quale viene costruito un romanzo con i colpi di scena che si susseguono e rendono la lettura veloce e intrigante.
    A mio avviso le “cinque stelle” sono riservate a pochi, ma Luca Scopitteri se le merita tutte perché è un esordiente con una marcia in più, un esordiente che sa scrivere bene.

    Recensione tratta da Amazon

  3. 4 di 5

    :

    Blog Inchiostro e Parole
    “Il creatore di sogni” è un romanzo breve che apre una trilogia thriller dove l’immaginazione si scontra con la realtà, inglobandola e mescolandosi a lei. Il racconto inizia in modo pacato e ci porta indietro nel tempo, a quando Jay ha solo otto anni e scopre di avere un dono speciale ma incompreso. La sua capacità di materializzare i sogni è tanto straordinaria quanto impossibile da credere e il bambino scopre ben presto l’amarezza di una famiglia che lo ritiene “sbagliato” e di un mondo che non lo capisce. Una diversità fuori dal comune quella di Jay, che rappresenta le diversità quotidiane di ogni bambino, mostrando in modo profondo e toccante quel senso di inadeguatezza e di dolore che ne può scaturire.
    Poi la scrittura fluida, incisiva e vivida si fa più pressante e ti ritrovi invischiato nella mente del ragazzo, dove realtà e sogno si confondono e si somigliano. E’ un romanzo onirico, nel quale l’immaginazione ha il sopravvento sulla realtà, creando personaggi surreali e meravigliosi, situazioni assurde e incredibili che lentamente divengono normalità.
    Un libro affascinante, scritto in modo sapiente, dove quasi tutti i tasselli trovano il loro posto e quelli che non lo fanno lasciano aperta la strada a un seguito che si prospetta davvero interessante. Un racconto ben scritto. Attendo il seguito con curiosità.

    Recensione tratta da Amazon

  4. 5 di 5

    :

    Rossella (IG: laragazzaconleperle)

    RECENSIONE:
    • Lo stile di scrittura dell’autore mi ha piacevolmente sorpresa. Testo e dialoghi ben strutturati, scorrevole e arricchito da descrizioni curate al punto giusto da essere capaci di catapultare il lettore totalmente all’interno della storia. Inoltre il finale è una bomba ad orologeria in grado di mettere il lettore in uno stato di confusione e maggiore attesa per il seguito;

    • Se la storia d’amore tormentata tra Jay e Emma potrebbe essere considerata un cliché, non si può pensare lo stesso di Koala, l’animale parlante che rappresenta il migliore amico, consigliere e spirito guida di Jay durante il suo stato onirico, capace di conquistare il lettore con la sua simpatica e ironica parlantina;

    Ho terminato di leggero questo romanzo, “Il Creatore di Sogni”, il giorno stesso che l’ho ricevuto. È estremamente difficile spiegare a parole l’attrazione magnetica che questa storia mi ha suscitato. So solo che sentivo il bisogno di saperne di più sull’enigmatica storia di Jay e sulla sua capacità di rendere reali e fisici i suoi sogni.
    Su Jay leggendo poi mi sono creata una fantasia tutta mia. L’ho visto indossare i panni di un moderno Dante che, guidato da Virgilio (Koala) per gran parte del suo viaggio onirico, va alla ricerca della sua amata Beatrice (Emma) seguendo, però, un percorso inverso: Paradiso-Inferno.
    Magari possiedo solo una fervida immaginazione, ma in quel momento non ho potuto evitare di vedere un nesso tra i sogni onirici di Jay e il famoso viaggio vissuto dal sommo poeta in sogno.

    Detto questo, non posso che consigliarvelo e, intanto, attendo con trepidazione di poterne leggere il seguito.

    Recensione tratta da Amazon

  5. 4 di 5

    :

    La Ninfa Dormiente
    Con questo libro sono decisamente uscita fuori dalla mia confort zone, perché come sapete leggo raramente fantasy ma posso affermare con certezza che questa volta ne è valsa davvero la pena.
    La storia di Jay mi ha subito conquistato e mi sono affezionata a questo personaggio che fin da piccolo non ha avuto una vita facile, dovete sapere che Jay possiede un dono molto speciale, lui è in grado di materializzare i sogni e tutto ciò che gli appare mentre dorme si proietta sistematicamente nella realtà.
    Voi penserete che questo è davvero un potere meraviglioso ma purtroppo non è oro tutto ciò che luccica, questa particolare capacità ha reso un inferno la vita di Jay…
    Immaginate un bambino intorno al quale capitano di continuo strani incidenti che pur dando la colpa ai suoi sogni che prendono vita non viene creduto dai genitori che lo considerano prima un bugiardo e poi un pazzo tanto da arrivare al punto di internarlo in una clinica privata dove subisce indicibili torture e vessazioni.
    Non passerebbe anche a voi la voglia di sognare?
    Questo è ciò che succede al nostro protagonista che per undici anni smette di sognare e l’unico rifugio che trova è su un’isola deserta che la sua mente ha creato per proteggersi dai traumi del passato, con la sola compagnia di un piccolo koala che rappresenta la voce della sua coscienza.
    Di questa storia ho apprezzato il dualismo fra bene e male, la costante lotta interiore di Jay e la sua paura di sognare perché teme che un giorno potrebbe rendere reali anche gli incubi causando del dolore alle persone a lui care.
    La scrittura di Luca è semplice e scorrevole, la caratterizzazione del protagonista è molto curata soprattutto dal punto di vista psicologico e permette di entrare subito in empatia con lui e con il suo mondo fantastico.
    La narrazione è fluida e raggiunge alcuni picchi di tensione nel finale che mi ha lasciato piena di dubbi e domande a cui spero presto di poter dare una risposta.
    Non posso fare altro che consigli questo libro.

    Recensione tratta da Amazon

  6. 4 di 5

    :

    Recensione a cura del blog Una marea di libri
    Jay è un ragazzo come tanti, con una vita come tante, se non fosse che qualsiasi cosa popoli i suoi sogni poi finisca per popolare anche la vita reale.
    Si trova a sognare un bicchiere di latte? Il bicchiere di latte compare di colpo sul comodino affianco al letto. Si trova a sognare un koala parlante? Al risveglio quello stesso koala sta attentando all’incolumità della tenda in camera sua. E così via.
    Per i suoi genitori è frustrante, per lui è totalmente normale e anche vagamente divertente e vantaggioso. Ma quando coloro che dovrebbero mostrarsi comprensivi e protettivi nei suoi confronti scelgono di affidarlo alle cure di una clinica psichiatrica ed in particolare del Macellaio, ecco che inizia la fonte di ogni incubo.

    E allora cosa accade quando oltre ai sogni anche gli incubi divengono realtà?
    Da dove provengono le brutte copie dei sogni in cui ci crogioliamo?
    Perché quando chiudiamo gli occhi iniziano anche le cose brutte?
    E’ il nostro inconscio che tenta di avvertirci di qualche pericolo latente o è il semplice processo di “digestione” di alcune situazioni che nella vita reale ci hanno in qualche modo destabilizzato?

    Il creatore di sogni è il primo di una trilogia thriller dai tocchi lievemente weird, in cui ci troviamo negli anfratti più remoti della mente umana.
    All’inizio ci troviamo nel mondo reale, ma Jay sa benissimo quale potere abita il suo corpo, eppure tenta in tutti i modi di nasconderlo fino a quando si troverà nella condizione estrema di doverlo usare, e allora nulla sarà più come prima.
    La narrazione semplice ma diretta ed incisiva, senza fronzoli, risulterà essere inizialmente lenta e piuttosto statica, per poi trasformarsi in uno stile più frenetico adatto alla situazione di suspense creata dall’autore per far immedesimare il lettore in un intreccio di trama che porta ad un finale sospeso, che preannuncia un seguito in cui probabilmente si vedrà più azione.
    Questo primo volume, infatti, è una sorta di introduzione all’universo onirico che lo scrittore ha scelto di creare attorno alla storia dei personaggi e alle loro vite.

    recensione completa sul blog Una marea di libri

    Recensione tratta da Amazon

  7. 4 di 5

    :

    “Il creatore di sogni” – dove l’unico limite è l’immaginazione
    Di volte in cui ho desiderato che i miei sogni notturni diventassero realtà ho perso il conto. Mai, però, ho considerato cosa comportasse davvero una possibilità del genere. È stato con “Il creatore di sogni” di Luca Scopitteri che la mia visione nei confronti di un potere simile ha preso una piega totalmente nuova.

    Thriller psicologico con elementi fantastici, “Il creatore di sogni” ci narra le vicende di Jay, un ragazzo capace di concretizzare ciò che sogna. Questa sua capacità, per quanto bella perché gli permette di materializzare solo i sogni più belli e mai gli incubi, lo ha fatto soffrire indicibilmente. E nella sua sofferenza, nel suo sentirsi diverso e incompreso, l’autore è stato abile a farci immedesimare con Jay.

    Attraverso uno stile fluido, scorrevole, incalzante e mai lento, Scopitteri ci offre un libro originale e ricco di colpi di scena. Dilazionare la sua lettura nel tempo è praticamente impossibile, perché finito un capitolo si passa immediatamente al successivo, divorati dalla curiosità di sapere cosa avverrà dopo. Solo il continuo salto temporale nella narrazione degli eventi confonde un po’ e disorienta, ma non intacca la godibilità dell’opera. Proprio per questo la voglia di avere tra le mani “Il creatore di ombre”, suo seguito, si manifesta appena conclusa la lettura!

    Recensione tratta da Amazon

Aggiungi una recensione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *